GLI ORGANICI DELL'ORCHESTRA



Allo scopo di chiarire ai potenziali interessati alla produzione di concerti quali siano gli organici necessari per l'esecuzione dei brani prescelti, si riportano alcuni cenni sulla tipica composizione della formazione delle orchestre. I dettagli sui vari tipi di formazione sono riportati nelle pagine accessibili cliccando nel menu a sinistra.

Un'orchestra può comprendere i seguenti strumenti:
  • archi (violino, viola, violoncello, contrabbasso);
  • legni (flauto, ottavino, oboe, corno inglese, clarinetto, fagotto, controfagotto);
  • ottoni (tromba, trombone, corno, tuba);
  • percussioni (timpani, rullante, grancassa, piatti).

Più raramente un'orchestra può includere anche:
  • cordofoni a pizzico (arpa, clavicembalo);
  • cordofoni a corde percosse (pianoforte);
  • altre percussioni (xilofono, vibrafono);
  • altri legni (altri clarinetti, clarinetto basso, corno di bassetto);
  • altri ottoni (vari altri tipi di trombe e tromboni).

Normalmente l'organico viene indicato con una stringa alfanumerica che indica la consistenza delle varie famiglie di strumenti; indicativamente un esempio potrebbe essere:

12/10/8/6/4-2222/4220/timp perc(2)/arpa pf

il significato è il seguente:

il primo campo indica gli archi, come segue:
  • 12 vl1 (violini primi)
  • 10 vl2 (violini secondi)
  •  8 viole
  •  6 vc (violoncelli)
  •  4 cb (contrabbassi)

il secondo campo indica i legni, come segue:
  •  2 flauti
  •  2 oboi
  •  2 clarinetti
  •  2 fagotti

il terzo campo indica gli ottoni, come segue:
  •  4 corni
  •  2 trombe
  •  2 tromboni
  •  0 tube

di seguito si hanno:
  • timpani (con un esecutore addetto)
  • percussioni generiche suonate da altri 2 esecutori
  • arpa
  • pianoforte

 
 
Social networks:
    - Site optimized for use with Mozilla Firefox® and screen resolution at least 1024x768.
 
 
© 2006-2017. All Rights Reserved - Associazione Orchestra Cantelli, Milano, Italy - Partita I.V.A.: 05253620966 - Page update 20/01/2016